Scuola di volo ULM



L'ultraleggero

Che cos'è l'aero ultraleggero (ULM)?

Non tutti gli aeroplani sono grandi e capienti come quelli di linea o robusti e veloci come quelli militari: esiste anche un settore dell’aviazione che riguarda gli aeroplani più piccoli, aeroplani che portano poche persone, che volano su distanze limitate ma che hanno il pregio di poter essere utilizzati come aeroplani da scuola per i piloti. Tutti i mega-comandanti che trovate sui Jumbo hanno iniziato su macchine volanti di dimensioni ridotte ed adatte per acquisire tecniche e procedure di volo !
Questi piccoli aeroplani, pur essendo estremamente sicuri, hanno comunque un piccolo-grande difetto: costano ancora molto e consumano una benzina speciale, detta “avio”, difficilmente reperibile sugli aeroporti, benzina che ha un prezzo di acquisto quasi raddoppiato rispetto alla benzina-verde per automobile.
A questo punto, qualcuno, ha pensato bene di cercare una soluzione ed ha studiato motori a benzina-verde, facilmente reperibile, da mettere su aeroplani molto leggeri che costassero e consumassero poco. Come è stato possibile costruire aerei più leggeri? Semplicemente affidandosi alle nuove tecnologie, estremamente avanzate, sostituendo materiali pesanti come il legno e l’alluminio con materiali compositi e fusioni di carbonio, materiale estremamente leggero e con resistenza pari a quella dell’acciaio!
Ecco che cos’è l’ “ultraleggero”: un piccolo aereo che pesa poco, pur avendo prestazioni e robustezza eccezionali, che vola con la benzina-verde del distributore, consumando meno di un’automobile: 12 Km con 1 litro, ma con velocità di crociera doppia di quella di un automobile, ovvero 250 Km/h !
L’ “ultraleggero” è quindi un mezzo di trasporto, di divertimento e di addestramento al volo estremamente moderno e sicuro: in Italia ne circolano più di 6000 ! Ed è maggiormente sicuro ed affidabile grazie all’adozione di un’”avionica” sofisticata e decisamente all’avanguardia.


Che cos'è l'avionica?

L’avionica è l’insieme della strumentazione che il pilota trova nella cabina di pilotaggio e che gli serve essenzialmente per navigare in tutte le situazioni di volo.
Insieme agli altri strumenti di bordo, che provvedono al monitoraggio dei vari impianti, l’avionica consente al pilota di spostarsi da aeroporto ad aeroporto in piena sicurezza. Fino a pochi anni fa un’ avionica moderna e sofisticata si poteva trovare solo sui jet di linea e su avanzatissime macchine da guerra, ma ora, grazie ad un incredibile progresso tecnologico è possibile montare anche sugli aerei ultraleggeri, con costi accessibili, computer di ultima generazione che permettono navigazioni precise, grazie al sistema GPS, e che forniscono al pilota una serie di informazioni essenziali sugli assetti del velivolo e sulla gestione ottimale del motore, dell’impianto elettrico, di quello idraulico e così via.


E i motori come sono?

Anche quando parliamo dell’apparato motopropulsore, c’è da rimanere strabiliati: motori a scoppio con un rapporto peso-potenza di tutto rispetto: 60 Kg di alluminio e di acciaio riescono a dare potenze di 100 CV, sufficienti a far raggiungere al nostro ultraleggero velocità di crociera di oltre 250 Km/h. E questo grazie anche all’adozione di un sistema di regolazione del passo dell’elica che automaticamente, in funzione della velocità richiesta dal pilota in una determinata fase di volo, provvede a trasformare la potenza erogata dal motore nella miglior trazione possibile sull’elica! Un connubio perfetto tra struttura in carbonio, avionica avanzatissima e motori a scoppio di ultima generazione ha prodotto un gioiello della tecnica che è l’ “Ultraleggero” !


 

Pronto al decollo?
Guarda i nostri corsi!